Portale Eventi del Consortium GARR

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sull uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa
Abbiamo modificato alcune delle nostre politiche per rispondere ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR).

Informativa sulla privacy

Informativa sul trattamento dei cookie

CONFERENZA GARR 2021
7-16 GIUGNO 2021, ONLINE

Mario Pireddu

Università degli Studi della Tuscia
http://www.unitus.it/

16 giugno 2021 - SESSIONE 6: DIDATTICA E FORMAZIONE

Learning Ecologies. Lo spazio-tempo dell'apprendimento

Slide

Mario Pireddu

 

Learning Ecologies. Lo spazio-tempo dell'apprendimento

Professore Associato di Tecnologie per la Formazione presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche, della Comunicazione e del Turismo dell’Università degli Studi della Tuscia, dove è anche Presidente del Corso di Laurea Magistrale in Informazione Digitale e Delegato per l'Innovazione nella Didattica e Delegato alla Comunicazione di ateneo. È membro di diversi gruppi di ricerca italiani e internazionali, e si occupa di comunicazione e forme dell’apprendimento, di scuola e ambienti per la formazione. Ha collaborato con Rai Cultura e Rai Scuola per i temi legati all'educazione digitale. Ha ricevuto il Premio Italiano di Pedagogia 2018 conferito dalla SIPED - Società Italiana di Pedagogia per la monografia "Social Learning. Le forme comunicative dell’apprendimento" (Guerini e Associati, 2014), settore scientifico-disciplinare M-PED/03, cat. Ricercatori. Per il Piano Nazionale Scuola Digitale si è occupato della formazione degli Animatori Digitali e dei Dirigenti Scolastici della Regione Lazio. Tra le sue pubblicazioni: "Algoritmi. Il software culturale che regge le nostre vite" (Luca Sossella Editore, 2017), "Social Learning. Le forme comunicative dell’apprendimento"(Guerini, 2014); "Storia e pedagogia nei media" (#graffi 2014, con Roberto Maragliano).

 

ABSTRACT

Lo studio delle relazioni tra cultura e tecnologia mostra che anche in ambito pedagogico continuano a essere utilizzate distinzioni tipiche del senso comune, non sempre rigorose dal punto di vista epistemologico. Sulla base di incomprensioni concettuali costruite su categorie inadeguate, la formazione all'uso dei media digitali a scuola – anche nel contesto di importanti riforme strutturali – si è spesso tradotta in un mero aggiornamento informatico relativo all’uso tecnico e non nell'approfondimento di specifici aspetti metodologici legati a diversi ecosistemi comunicativi. Ragionare di ecologie dell’apprendimento consente di esplorare e monitorare esperienze e ricerche che mostrano realtà di didattica digitalmente aumentata focalizzando l'attenzione sulla categoria di spazio-tempo. Contemplare nella progettazione didattica differenti gradi di prossimità e tempi qualitativamente e quantitativamente diversi porta ad integrare le potenzialità del digitale nella configurazione di nuovi ambienti integrati per la didattica. Questa prospettiva concettuale e metodologica promuove un approccio ecologico alle tecnologie, aprendo un orizzonte di ricerca e sperimentazione dell'esperienza di apprendimento multidimensionale.